Utilizzare Facebook per generare lead

Postato da Maurizio Masi il 05 luglio 2019

facebook-lead-generation-EA

Da ormai parecchi anni a questa parte, i social network sono diventati luoghi di incontro tra milioni di persone. Amici, familiari, conoscenti, tutti si ritrovano in queste enormi piazze virtuali per condividere momenti di vita quotidiana, news o semplicemente per passare il tempo. Ma i social non sono soltanto questo. In misura sempre crescente, sono delle vere e proprie piattaforme di marketing, nonché giganteschi database da cui le aziende attingono per trovare nuovi clienti e proporre i propri prodotti e servizi.

Ogni social network permette di intercettare un target diverso, per cui è fondamentale chiarirsi le idee sui propri obiettivi prima di investire tempo e denaro in campagne sponsorizzate.

Fatta questa premessa, in questo articolo trattiamo nello specifico Facebook, perchè dati alla mano, quasi 1 miliardo e mezzo di utenti accedono a questo social ogni giorno, il che lo rende un luogo ideale per intercettare persone potenzialmente interessate ai propri prodotti/servizi e attuare tattiche di lead generation.

Prima di trattare nel dettaglio i 3 modi per generare lead su Facebook, rinfreschiamoci la memoria su cos’è un lead.

Cos’è un lead?

Un lead è una persona che ha mostrato interesse per il prodotto o servizio della tua azienda e ha deciso di cedere alcuni dei propri dati personali in cambio di un qualche contenuto premium che gli hai offerto, come ad esempio un ebook, una demo, un video tutorial o altro.

Per fare questo ha dovuto compilare un form di contatto situato su una pagina del tuo sito o su una landing page. Se questa pagina è il luogo in cui l’utente da semplice visitatore diventa un lead (cioè un contatto attivo e interessato alla tua offerta), allora devi fare in modo di condurlo lì... ad esempio a partire da un post di Facebook.

Attenzione! Le persone a cui piacciono i tuoi aggiornamenti di stato, foto e video potrebbero anche non essere interessate ai tuoi prodotti e servizi e sicuramente non contano (ancora) come lead.

3 modi efficaci per generare lead

La generazione di lead può avvenire in molti modi diversi, alcuni organici e altri a pagamento. In questo articolo tratteremo 3 dei più efficaci: uno organico e due a pagamento.

È importante mantenere l’equilibrio tra i canali di lead generation organici e quelli sponsorizzati. Infatti i primi sono utili per promuovere sconti, offerte e contenuti per trasformare le persone che già ti seguono in lead. I secondi sono necessari per raggiungere gli utenti di Facebook che ancora non ti conoscono, ma che potrebbero comunque rispettare le caratteristiche della tua buyer persona.

1. Post di lead generation organici

Si tratta dei normali post di Facebook  che includono un link. Questo porta direttamente a una pagina del tuo sito web che, oltre un contenuto (es. un articolo del blog), avrà un modulo di contatto. Questo è il modo più diretto per trasformare i tuoi follower in lead. Quando pubblichi qualcosa sulla tua pagina di Facebook, verrà mostrato nel feed delle notizie solo alle persone che ti stanno già seguendo (e non tutte!). Tra queste, alcune sono già dei lead, le altre possono diventarlo tramite la conversione (o lead generation).

Tuttavia, visto che questo genere di post può essere visto solo da follower esistenti, non è d’aiuto per aumentare il numero dei contatti. Per questo, per ampliare il tuo pubblico, è consigliabile l’utilizzo degli annunci di Facebook.

Cosa non deve assolutamente mancare nella tua comunicazione online?  La guida del marketing digitale.  Scarica la checklist >

2. Facebook lead ads

Questo tipo di post fa parte di quelli a pagamento ed è tra gli annunci più efficaci, in quanto permette agli utenti di accedere a sconti e offerte senza dover mai abbandonare la piattaforma. I Facebook lead ads si presentano esattamente come gli annunci tradizionali, ma con la differenza che quando un utente “clicca”, compare il modulo da compilare sotto forma di popup. Oltre a non fare uscire l’utente da Facebook, un altro vantaggio è che il modulo viene auto-compilato con le informazioni che il social network già conosce dell’utente, come il nome, l’email e il numero di telefono.

Questo è molto utile per la conversione degli utenti dai dispositivi mobili, in quanto potrebbero non essere intenzionati a compilare manualmente un modulo dallo smartphone. Dato che al giorno d’oggi l’80% dell’utilizzo dei social media avviene da mobile, è molto importante che gli utenti vivano una buona esperienza su Facebook in ogni fase.

3. Link click ads

Questo terzo tipo di post di cui parliamo è molto simile ai tradizionali post organici di cui abbiamo parlato prima. Si presentano quindi con un’immagine e un testo in primo piano, ma in più hanno anche una call-to-action (pulsante/link) che porta ad una landing page del tuo sito contenente un modulo di contatto. Su questa pagina, l’utente potrebbe avere la possibilità di acquistare un prodotto, iscriversi ad una newsletter o scaricare un contenuto premium.

Questo e quelli visti in precedenza non sono gli unici modi per generare lead da Facebook, però sono tre dei più efficaci. Tuttavia, qualsiasi strada tu scelga di percorrere, ricorda che la cosa più importante è che il tuo post sia veramente interessante! ;)

Suggerimenti per lead post di successo

Qualunque sia il tipo di post che scegli di utilizzare, ricordati di seguire queste semplici indicazioni.

Crea una pagina di destinazione

Può sembrare superfluo, ma è bene ricordare che è necessario predisporre una landing page (o sales page) PRIMA di pubblicare un post o annuncio. Questa pagina può contenere uno sconto, un’offerta o un contenuto di qualche tipo, scaricabile tramite la compilazione di un form.

Inoltre, è molto importante inserire nel codice delle pagine del tuo sito web codici di tracciamento (es. il Pixel di Facebook, che è una stringa di codice javascript), in modo da monitorare il numero delle persone che cliccano e soprattutto quelle che si convertono in lead.

Inserisci una call-to-action

Un altro elemento che non deve mancare in un post è la call-to-action, ovvero un pulsante o un invito testuale a cliccare. Quando crei un annuncio su Facebook, ti viene automaticamente proposta la scelta del pulsante, tra cui “Acquista ora”, “Registrati” e "Ulteriori informazioni”.

Per i post organici questa possibilità non è prevista, per cui devi essere tu a spiegare esattamente cosa succede quando si clicca sul post. Se un utente arriva sulla landing page pensando di leggere un articolo e si trova davanti un form da compilare, potrebbe confondersi o irritarsi. E tu non vuoi che accada, vero?

Coinvolgi gli utenti

Un post di successo è quello che genera molte interazioni, ovvero sotto cui tante persone aggiungono commenti e che viene ampiamente condiviso. Un post che ottiene questi risultati è più probabile venga visualizzato nei feed delle notizie e quindi abbia anche più possibilità di venire cliccato.

Usa immagini che colpiscono

L’elemento forse più importante di tutti. Prima ancora del titolo, della didascalia o della call-to-action, è l’immagine che ha il potere attrattivo maggiore. Se scelta con cura, può emergere nel mare di contenuti che popolano il social network e portare moltissime persone a cliccare sul tuo post.  

E tu? Hai mai pensato di fare lead generation su Facebook? Se vuoi provare, ma non ti senti ancora abbastanza sicuro, non esitare a contattarci. Ti forniremo tutto il supporto di cui hai bisogno.

Clicca qui per ottenere la guida al marketing online.

Tag: agenzia di comunicazione, social advertising, digital marketing, facebook advertising, inbound marketing, content marketing, strategia, social media marketing, lead generation, seo, buyer persona

Condividi su: