Il piano editoriale per il blog (con template scaricabile)

Postato da Francesca Bellini, aggiornato il 1 luglio 2020
Trovami su:

Content Marketing: dalla teoria alla pratica

Piano-editoriale-EA

Fare digital marketing implica essere presenti su diverse piattaforme, farsi indicizzare da Google, farsi trovare e ricordare, persuadere... in pratica, produrre un’enorme mole di contenuti!

Questi andranno diffusi su diversi canali e attraverso differenti format e modalità, organiche e sponsorizzate.

In questo senso, un’importante parte del digital marketing è costituita dal Content marketing.

Tra i vari tipi di contenuti che puoi produrre per i tuoi canali digitali ci sono quelli per il tuo blog-sito. Perché sì, se avessi ancora dei dubbi: ci sono diverse attività che aiutano il tuo sito-blog ad essere indicizzato e trovato dagli utenti: aggiornarlo con cura e costanza è la principale.

Cos’è un Piano Editoriale (PED) e perché farlo

Nei periodi baciati dall’entusiasmo, dall’ispirazione e da un po’ di tempo libero, può sembrare semplice individuare temi e produrre contenuti interessanti e curati. Il lungo termine è un’altra storia... che solitamente scarseggia di tempo, energie, fantasia e direzione.

Il PED è la nostra àncora di salvezza, quello strumento che ci permette di restare focalizzati sull’obiettivo, di organizzare il lavoro e di monitorarlo. Lo strumento che permette di integrare la tua creatività e l’utilità dei tuoi contenuti, in una solida strategia a lungo termine. Di solito questo strumento si concretizza in una tabella o un insieme di tabelle, di cui qui troverai un esempio.

I 6 fondamentali per costruire un Piano Editoriale antisismico

Obiettivi e strategia

Come abbiamo detto molte volte e non ci stancheremo mai di ripetere: se sei online per fare marketing non c’è spazio per bighellonare o per dare sfoggio di sé. Ci sono invece obiettivi chiari (e SMART: Specifici, Misurabili, Realizzabili, Rilevanti, Calendarizzabili) e la ricerca di un modo per raggiungerli, ovvero una strategia a prova di bomba. Ogni scelta che compi deve essere funzionale agli obiettivi che ti sei posto e ogni azione deve corrispondere a un punto preciso della tua strategia.

Contenuti: cosa scrivo?

Prima ancora del “cosa”, chiediti “a chi” stai scrivendo. Per rispondere a questa domanda dovrai aver analizzato e individuato con chiarezza il tuo target, dovrai avere stampata nella mente l’immagine della tua buyer persona e immaginarla sempre davanti a te mentre gli racconti qualcosa o gli proponi un prodotto o un servizio.

Inoltre, dovrai fare in modo che la tua buyer persona, tramite l’esperienza col tuo sito e la tua comunicazione online, compia un viaggio (in gergo il “buyer’s journey") che parte dalla consapevolezza, passa dalla considerazione e arriva al momento della decisione. Per ogni tappa di questo percorso dovrai fornire contenuti pertinenti.

  • Nella fase della consapevolezza l’utente sta cercando di chiarirsi le idee e circoscrivere il proprio problema e i propri bisogni: qui dovrai cercare di offrire contenuti di taglio più educativo e divulgativo.
  • Nella fase della considerazione i bisogni sono stati individuati e l’utente è alla ricerca di metodi e approcci di risoluzione: adatti a questo momento sono case histories, demo, articoli di FAQ, ecc.
  • Infine, in fase di decisione, il nostro lead (=potenziale cliente) ha deciso come risolvere il proprio problema e si appresta a selezionare un fornitore. Potrai convincerlo che tu sei quello giusto, offrendogli contenuti quali free trials, articoli che spiegano le caratteristiche dei tuoi prodotti e servizi, brevi consulenze gratuite, ecc.).

Guardati intorno, osserva i competitors, ascolta il tuo target, empatizza fino in fondo con i bisogni della tua buyer persona... e mettici un po’ di creatività. Ricordati che ogni argomento è composto da moltissimi aspetti e può essere guardato da numerosi punti di vista! Potrai dedicare un contenuto ad ognuno di questi!

Programmazione nel tempo

Stabilire un orizzonte temporale nella propria pianificazione editoriale significa principalmente due cose:

  • fissare delle deadline, una tabella di marcia che ti consenta di organizzarti ed evitare di agire sull’onda del momento o del “appena ho tempo lo faccio”, perdendo facilmente il controllo della situazione. In genere questo tipo di programmazione si gioca su slot di periodi medio-brevi (generalmente 1-3 mesi) e assegnazione di compiti e contenuti specifici.
    In quest’ottica è bene stabilire una frequenza di pubblicazione, che sia adeguata ma realistica rispetto alle risorse di cui disponi (tempo, persone, competenze). Se ti accorgi di non avere tempo o le competenze adeguate, piuttosto investi nel supporto di professionisti freelance o di un’agenzia strutturata che possa colmare le risorse che ti mancano.
  • Decidere su quale arco temporale sperimentare un certo approccio e determinati contenuti, e monitorarne i risultati. Questa tipologia contempla un arco temporale più ampio (6 mesi, un anno, un biennio...) e si occupa di fissare paletti, temi e compiti di carattere più generale e strategico.

Non si tratta di due approcci alternativi, ma aspetti integrati di programmazione nel tempo.

Creare un flusso di lavoro

Creare un contenuto è un’attività complessa che si può scomporre in tanti piccoli compiti più piccoli. Individuali e suddividila così in diversi momenti programmabili nel tempo e, se non lavori da solo, delegali a collaboratori. Individuare i vari compiti in cui può essere scomposta un’attività di content creation, ti permette di identificare anche le figure professionali che vanno coinvolte, se fai parte di un team strutturato o hai un’agenzia di riferimento.

Prendiamo un esempio: scrivere un articolo per il blog. Questa attività può essere scomposta in:

  • Progettazione e gestione > project manager / strategist
  • Scrittura > copywriter (SEO oriented)
  • Editing (revisione e ottimizzazione) > altro copywriter / project manager / collaboratori
  • Design > grafico / web developer o chi che si occupa di gestire i contenuti del sito
  • Distribuzione > media manager / sviluppatore o chi si occupa della gestione dei contenuti sul sito e le varie piattaforme social per la condivisione.

Se lavori da solo o con meno collaboratori, dovrai ricoprire più ruoli, ma ti sarà utile poter programmare le tue attività editoriali in singoli slot.

Se invece lavori con un team, sarà importante adottare i giusti strumenti per gestire i flussi di collaborazione, come quelli integrati ad un CMS (noi usiamo Hubspot) o altre applicazioni, come Trello, Slack, ecc.

Monitora e ottimizza

Nell’attività di progettazione e gestione è compresa l’analisi dell’andamento delle pubblicazioni: funzionano, vengono trovate, vengono viste? I materiali vengono scaricati? Quali piattaforme di condivisione funzionano meglio, da dove arrivano i visitatori, quali keywords sono state più cercate? E via dicendo. L’analisi dei dati nelle attività di content marketing è fondamentale per un miglioramento continuo delle performance e per il raggiungimento degli obiettivi che ci si è prefissati. Questo sistema è quello che viene definito Growth-driven design. In base ai dati raccolti, il piano editoriale va regolarmente monitorato e, se necessario, rivisto.

Organizzare e archiviare

Infine, per rendere il flusso di lavoro agile e ottimizzare tempo e risorse, non sottovalutare l’importanza dell’organizzazione e delle logiche di conservazione dei materiali. Dal creare un’architettura di archiviazione al mantenere le cartelle aggiornate, ordinate e facilmente consultabili (da te e da tutti gli eventuali collaboratori). Fino alla definizione di un sistema di nomenclatura dei file (ad esempio: format – fase del buyer’s journey – campagna – data). 

Bene, sei pronto a mettere in pratica?

Se vuoi puoi utilizzare il nostro template, in cui ti proponiamo un format di programmazione strategica per il lungo periodo e un focus specifico e dettagliato per il piano editoriale.

Buon lavoro!

Scarica il nostro template

Tag: digital marketing, content marketing, agenzia di comunicazione torino, strategia

Condividilo su

     

Potrebbero interessarti anche:

È tempo di webinar: community is in the air


Webinar: calendario delle attività, dalla progettazione al follow-up

Negli ultimi mesi, come sappiamo, innumerevoli eventi, meeting, sessioni formative, hanno dovuto rinunciare ad aule e saloni e si sono spostati online. Con molta probabilità quella che è nata come un’esigenza si sta già trasformando in una tendenza più a lungo termine.

Leggi di più

Il piano editoriale per il blog (con template scaricabile)


Content Marketing: dalla teoria alla pratica

Fare digital marketing implica essere presenti su diverse piattaforme, farsi indicizzare da Google, farsi trovare e ricordare, persuadere... in pratica, produrre un’enorme mole di contenuti!

Leggi di più

Problemi del marketing digitale e come risolverli


Se ti occupi delle attività di marketing di un’azienda, ti sarai forse trovato di fronte ad alcuni dilemmi…

  1. Ho un sito bellissimo... perché non mi contatta nessuno?
  2. Ho un blog a cui dedico tempo ed energie... ma i clienti?
  3. Uso i social però mi seguono i soliti 4 gatti… devo pagare per farmi notare?
    Quanto costa una campagna sui social?
  4. Che cos’è e come funziona una campagna di Google Adwords?
  5. Perché nessuno apre le mie newsletter?
  6. Ho poco tempo e budget per la comunicazione: come posso ottimizzare?
Leggi di più

Devi acquisire nuovi clienti? Scegli le giuste tattiche digitali


Sono molte le tattiche disponibili nel mondo del digital per acquisire nuovi clienti e per fidelizzare quelli che hai. Ognuna ha i suoi punti di forza che bisogna aver ben chiari prima di pianificare le proprie strategie.
Ad esempio, se devi acquisire nuovi clienti potresti iniziare con del search ADV (AdWords per esempio), mentre per fidelizzare e vendere più prodotti o servizi ai clienti esistenti l'Email marketing  (nonostante lo diano sempre per morto...) è uno degli strumenti più efficaci.
Qui di seguito vengono presentate le tattiche più utilizzate dai marketer digitali, in funzione dei risultati che si vogliono ottenere.

Leggi di più

Digital Marketing

Come usare al meglio gli strumenti digital, dal sito web ai social, senza dimenticare le e-mail e l’advertising? Come strutturare un piano di marketing a prova di bomba? Il nostro team di esperti di marketing è al tuo servizio per migliorare la tua strategia online.

Scopri cosa possiamo fare per te

Ultimi articoli