Perché scrivere se nessuno ti legge? L’importanza della content distribution nella tua strategia di digital marketing

Postato da Paola Sereno, aggiornato il 23 marzo 2020
Trovami su:

content-distribution

Hai sposato la causa del content marketing, ti sei organizzato per scrivere e pubblicare regolarmente contenuti interessanti sul tuo sito e sui tuoi canali social, ti impegni con cura e dedizione.

Ma nessuno ti legge.

Inutile dire che è uno spreco di tempo, di risorse (chi scrive, chi coordina, chi controlla), ed è anche piuttosto frustrante. E pressoché inutile. Quindi non dimenticare: Content is king, but distribution is queen.

Il content marketing ha rivelato nel tempo la sua indubbia utilità per farsi conoscere da una platea più ampia di persone, incrementare la brand awareness, costruire una base fedele di followers e incoraggiare chi ti legge online a cliccare, agire e infine diventare cliente.

Il problema, però, è che non sei il solo ad aver scoperto questo segreto.

Online c’è una massa enorme di contenuti, che aumentano sempre di più. Un vero e proprio “content shock”. Basta pensare che ogni giorno vengono postati 4.5 milioni di post su blog come quello che stai leggendo ora (fonte: techjury).

L’unico modo per fare sì che i contenuti che anche tu riversi sul web non si perdano nella massa è creare una content distribution strategy che ti consenta di mettere a frutto quello che scrivi.

Quindi, il tuo mantra d’ora in poi sarà: scrivere, pubblicare, condividere e promuovere.

E tutte le 4 fasi hanno la stessa importanza.

Vediamo nel dettaglio come creare la strategia, partendo dalle basi.

1. Che cos’è la content distribution?

L’obiettivo della distribuzione è far arrivare i contenuti alla tua audience e consentirne il consumo attraverso diversi canali e formati. Questo ci porta alla seconda domanda.

2. Quali sono i canali della content distribution?

Ovvero, quali sono i luoghi dove posso distribuire i miei contenuti?

I canali a disposizione di un digital marketer si dividono in tre tipologie: owned, earned and paid.

I canali owned, ovvero proprietari, sono i tuoi, quelli su cui hai il controllo: il tuo sito web, il caro vecchio blog, i canali social (anche se qui devi fare i conti con I crudeli algoritmi che regolano il feed), la newsletter che mandi ai tuoi contatti.

I canali earned sono legati al fatto che qualcuno condivida i tuoi post, oppure che parli di te su forum o con recensioni online.

Paid, ovviamente, sono i canali a pagamento, quando cacci i soldi: dalla classica campagna pay per click ad un’attività con influencer retribuiti.

3. Come si costruisce una strategia di content distribution

Alcuni marketer sostengono che dovresti impiegare il 20% del tuo tempo a creare il contenuto e l’80% a promuoverlo. Cosa ne pensi?

Se ti sembra eccessivo, torna al punto 1: i contenuti che scrivi sono inutili se non arrivano sotto l’occhio delle persone giuste. Quindi, meglio pensarci prima e creare una content distribution strategy. Ti aiuterà a organizzare meglio il lavoro con il tuo team, ad essere allineati sugli obiettivi e sui metodi di misurazione dei risultati.

Ecco come procedere:

A. Fai delle ricerche sul tuo target

Cerca di capire a chi stai parlando e quali sono le loro abitudini di consumo. Se stai già seguendo le regole d’oro dell’inbound marketing, hai già definito le tue buyer personas: usale. [Altrimenti leggi questo post)

B. Analizza i tuoi contenuti attuali

Quali argomenti hai già trattato e quali no? Come stanno performando? cosa sembra interessare di più ai lettori (e ovviamente è in linea con la tua offerta e il tuo target)? Cosa manca?

C. Scegli i canali di distribuzione

Se conosci le abitudini delle tue buyer personas, ti sarà più semplice definire i canali da privilegiare: i tuoi clienti sono su LinkedIn o su Snapchat? Ottimizza per primi i canali proprietari, su cui hai il controllo senza spendere, e poi pensa attentamente dove investire il budget per i canali a pagamento.

D. Scegli il tipo di contenuti

Articoli testuali o video? Infografiche o interviste? È importante capire quale tipo di contenuti vorresti produrre, e quanto ti costa farlo, a livello di risorse interne ed esterne.

E. Stabilisci i tuoi obiettivi

Traffico, engagement, lead: analizza le performance dei tuoi contenuti attuali e stabilisci KPI precisi per monitorare l’andamento della tua content strategy.

F. Crea un calendario editoriale

Un calendario editoriale condiviso (e rispettato), ti aiuta a mantenere organizzata l’attività nel medio-lungo termine. Includi anche i canali attraverso cui intendi distribuire i contenuti all’interno del piano.

G. Crea il contenuto!

È venuto il momento di mettersi a scrivere.

Se hai bisogno di qualche dritta utile, leggi il nostro post “Come creare un distillato di contenuti di valore”.

H. Distribuisci

Ora il tuo content è pronto per conquistare il mondo! Ricordati che ogni canale ha le sue regole e potrebbe essere un buon investimento dedicare un po’ di tempo ad adattare il tuo contenuto al mezzo, ad esempio per quanto riguarda i post sui vari social media.

I. Misura e analizza i risultati

Torna al punto E. Stabilisci i tuoi obiettivi e monitora l’andamento delle performance per capire cosa funziona e cosa no. Non dimenticare che spesso i risultati si vedono sulla lunga durata e un post del blog può continuare a generare traffico anche mesi (o anni) dopo la pubblicazione.

Sei pronto? Ti sembra tutto immensamente complicato?

Per fortuna, ci sono dei tools pronti ad intervenire in tuo favore per aiutarti a gestire la tua strategia di content creation e distribution.

Uno di questi è HubSpot, un software di marketing all-in-one che ti consente di gestire dal sito web alle e-mail, fino ai post sui social media, offrendoti un’unica piattaforma integrata e strumenti di analytics avanzati. Dall’area denominata “Social inbox” puoi programmare, postare e analizzare i contenuti sui social media, nonché gestire l’invio delle newsletter. Quando vuoi analizzare i risultati delle varie attività, lo puoi fare velocemente.

Eclettica-Akura ha scelto di avviare una partnership con HubSpot, quindi se vuoi una mano per implementare e sfruttare al meglio la piattaforma, contattaci!

Clicca qui per ottenere la guida al marketing online.

Fonte: https://blog.hubspot.com/marketing/content-distribution

Tag: content marketing

Condividilo su

     

Potrebbero interessarti anche:

Come aumentare il traffico al proprio sito web (3/3)


Ultima serie di consigli utili per aumentare il traffico sul proprio sito web (qui la prima parte di Come aumentare traffico al sito web e qui la seconda). Questa volta parliamo di globale e locale, del valore dei contenuti diversificati, della potenza del riciclo nella gestione dei contenuti, poi affronteremo anche il tema della quantità dei contenuti nella pagina: qual è il rapporto ottimale?
Poi vedremo come usare i social per "spingere" il tuo sito. Daremo un'occhiata agli strumenti SEO  indispensabili, che permettono di analizzare il comportamento dei visitatori sul tuo sito web. Vedremo come far in modo che il tuo sito web sia sempre tematicamente orientato verso le keyword specifiche per ottenere i posizionamenti migliori che soddisfano le esigenze del tuo target (o, meglio, delle tue buyer persona).

Leggi di più

Perché scrivere se nessuno ti legge? L’importanza della content distribution nella tua strategia di digital marketing


Hai sposato la causa del content marketing, ti sei organizzato per scrivere e pubblicare regolarmente contenuti interessanti sul tuo sito e sui tuoi canali social, ti impegni con cura e dedizione.

Ma nessuno ti legge.

Inutile dire che è uno spreco di tempo, di risorse (chi scrive, chi coordina, chi controlla), ed è anche piuttosto frustrante. E pressoché inutile. Quindi non dimenticare: Content is king, but distribution is queen.

Leggi di più

Come aumentare il traffico al proprio sito web (2/3)


Seconda serie di consigli utili per aumentare il traffico sul proprio sito web (qui la prima parte di Come aumentare il traffico al sito web). Questa volta analizziamo l'importanza delle parole chiave (keyword): il sito web deve privilegiare quelle che soddisfano le esigenze del tuo target.  Poi vedremo l'importanza della velocità: i tuoi contenuti devono essere caricati rapidamente per garantire la soddisfazione dell'utente, specie in mobilità. Infine cercheremo di capire come usare il TF*IDF (dopo averti spiegato cos'è, ovviamente...) a nostro vantaggio, e introdurremo il "canonical tag", molto utile per chi si occupa di e-commerce - ma non solo - più altre accortezze.

Leggi di più

Come aumentare il traffico al proprio sito web (1/3)


Photo by Denys Nevozhai on Unsplash

Avere un bel sito non è difficile: un bravo grafico, un abile developer, qualche giusta intuizione, ed il gioco è fatto. Avere un sito con tanto traffico, invece, è molto più complicato. Poiché tutti vogliono avere tanti visitatori, essere in prima pagina su Google, in modo organico, è quasi impossibile. Poi ci si mettono anche i motori di ricerca che cambiano (spesso) gli algoritmi, e quindi le regole, che ci permettono di comparire in prima pagina. Che fare? Dobbiamo applicare la metodologia Inbound, certo, ma ci sono aspetti tecnici e pratici che bisogna assolutamente rispettare. Eccoli tutti in fila, uno dopo l'altro... 

Leggi di più

Digital Marketing

Come usare al meglio gli strumenti digital, dal sito web ai social, senza dimenticare le e-mail e l’advertising? Come strutturare un piano di marketing a prova di bomba? Il nostro team di esperti di marketing è al tuo servizio per migliorare la tua strategia online.

Chi siamo

Un’agenzia creativa, specializzata nella comunicazione d'impresa. 

La nostra agenzia mette l’esperienza di oltre 20 anni nel settore e le competenze multidisciplinari del nostro team al vostro servizio, per dar vita a progetti di comunicazione efficaci e mirati.

Ultimi articoli