Come cresce una startup di successo

Postato da Giorgio Masi, aggiornato il 4 gennaio 2022
Trovami su:

scalabilita-businessAnni addietro, le startup innovative erano delle realtà abbastanza rare da osservare e il motivo sostanzialmente era la difficoltà con cui queste realtà nascevano e si sviluppavano. Era un mondo in cui le aziende si trasformavano e crescevano in maniera molto lenta, in alcuni casi si parla perfino di decenni.

Oggi ovviamente i tempi sono cambiati, letteralmente. Le startup sono una realtà strettamente legata a concetti come crescita scalare, velocità, risoluzione problemi concreti e career building. 

Facciamo un piccolo passo indietro e capiamo insieme cos’è davvero una startup e in che modo si sviluppa attraverso le sue fasi principali. Ma soprattutto capiamo quanto a lungo una startup è da considerarsi tale. 

Cos’è una startup?

Una startup nasce per risolvere un problema o un’esigenza di uno specifico segmento di persone. Si intende quindi qualsiasi business che nasca con l’intento di scalare in fretta il mercato portando con se processi e prodotti innovativi ad alto valore aggiunto. 

Come tutte le nuove imprese, le startup attraversano delle fasi di crescita che possono essere definite e valutate in base all’efficacia. 

Secondo la definizione di Dan Tyre, Executive di HubSpot ed esperto conoscitore del mondo delle startup, le fasi di una startup sono:

  1. Ideazione e formazione del business
  2. Proof of concept 
  3. Scalare il business

Come cresce una startup

Alla base di un business possono esserci le idee più disparate. Tuttavia la maggior parte delle imprese seguono un processo molto simile di scalabilità che percorre delle fasi e un ciclo di vita ben preciso.

1. Ideazione e formazione di un business 

Il primo vero e proprio step di una startup, in questa fase il team è concentrato sullo sviluppo dell’idea e del business plan. 

Ci sono una decina di domande essenziali in questa fase:

  1. Riesci a dedicarti full time a questo business? Se no, perché?
  2. Hai una expertise specifica che può assicurarti un vantaggio in questo campo?
  3. Perché vuoi creare questa realtà? Quale problema stai cercando di risolvere? Perché lo stai facendo ora? Hai ragionato a fondo sulle effettive implicazioni del diventare un imprenditore?
  4. Che genere di azienda ti aspetti di mettere in piedi?
  5. Quali sono i tuoi obiettivi con questo progetto sul periodo 12-24 mesi?
  6. Hai un co-founder? Quale è il suo ruolo?
  7. Hai già un business plan chiaro che parli della struttura e della crescita del tuo progetto?
  8. Hai già invidiato alcune figure che possono aiutarti in maniera stabile a scalare?
  9. Come saprai quando avrai raggiunto gli obiettivi prefissati?
  10. Hai le possibilità di dedicarti full-time a questo progetto?

In questa fase, grazie anche alle risposte che saprai dare a queste domande, si formerà in maniera sempre più definita lo scopo del tuo progetto e i suoi vantaggi caratteristici. Questa è la fase in cui provi che c’è una fetta di mercato pronta ad accogliere il tuo progetto. 

2. Proof of concept - Fase di test

Questa è la fase in cui la startup inizia a rifinire l’idea iniziale di creare un business sostenibile e scalabile. In questa fase ci sarà bisogno di fare dei miglioramenti al prodotto o al servizio e di accrescere il team marketing e vendite. Questa inoltre è la fase in cui interviene il funding, idealmente di 1-2 milioni di euro, ed è questo il momento in cui, ricevendo questi fondi, la startup dimostra di poter sostenere il suo business plan e di raggiungere la propria solida base di clienti.

3. Scalare il business

Siamo giunti alla fase finale della startup. Questo infatti è il momento in cui il business inizia il suo percorso di forte crescita e perde la sua definizione di startup. In questa fase dovrebbero esserci abbastanza informazioni per definire un vantaggio del business e come aumentarlo ancora di più per raggiungere un pubblico più ampio. Questa fase include in genere un nuovo round di investimenti tipicamente gestiti da business angel o Venture Capital che aiuteranno il business nella sua crescita verso un’entità stabile e indipendente. 

Quanto a lungo una startup può essere definita tale?

Questa è decisamente una delle domande più frequenti e interessanti che possa capitare discutendo di questo tipo di business. 

In molti hanno cercato di rispondere a questo quesito triviale, come Alex Wilhelm di TechCrunch che ha proposto la regola del 50-100-500. Con tale regola Wilhelm suggerisce che il tuo business può non definirsi più startup se: 

  • hai $50 milioni annui a regime 
  • hai 100 o più impiegati 
  • il tuo business vale più di $500 milioni

A differenza di Wilhelm, altre fonti nel rispondere a questa domanda, tendono a parlare di concetti come market fit, crescita, mindset. 

Market Fit

Avviene quando il tuo prodotto non ha più bisogno di compiere sforzi per affermarsi sul mercato di riferimento. Ha cioè assolto alla funzione di risolvere il problema che si era prefissato e produce vendite in maniera stabile. 

Crescita

Quando un business ha raggiunto gli obiettivi che si erano prefissati relativi al fatturato, alle risorse umane, ai round di investimento e altro, può definirsi fuori dalla fase di startup. 

Mindset 

Un altro fattore critico è l’atteggiamento mentale che hai nei confronti della tua startup. Quando l’idea di far crescere a prescindere il tuo business viene sostituita dal voler fornire una crescita sostenibile e duratura nel tempo, vuol dire che il processo sta procedendo in maniera positiva e che il mindset sta cambiando.

Uno spunto prezioso

Sia che stiate iniziando un'attività o che stiate redigendo un documento formalizzato con i vostri attuali obiettivi commerciali, è importante definire chiaramente la portata di tutti gli aspetti dell'impresa - dalla mission, ai clienti target, alle finanze e oltre.

Quando si è agli inizi, si può essere tentati di pensare a un business plan semplicemente come il nome della vostra azienda e una descrizione del vostro prodotto o servizio. Ma in realtà, la pianificazione di un'attività comporta la necessità di pensare a molti più dettagli.

Per questo abbiamo deciso di offrire questo modello di business plan: ti guideremo attraverso i passi della scrittura della descrizione dell'azienda e del prodotto, impostando gli obiettivi e i piani di vendita e di marketing, e pensando alla logistica legale e finanziaria.

Scarica il nostro template

Ps: Creare e sviluppare una startup può essere molto complicato, come abbiamo visto. Tuttavia in HubSpot hanno sviluppato un programma interessante, HubSpot for Startups, che mette a tua disposizione risorse interessanti per la crescita del business. 

Noi, in qualità di Partner Gold HubSpot ti possiamo aiutare a capire di che cosa hai bisogno.

Tag: inbound marketing, inbound sales

Condividilo su

     

Potrebbero interessarti anche:

Cos'è un Business Plan (Con template scaricabile)


Il business plan è una componente critica per far decollare qualsiasi azienda. È la chiave per assicurare il finanziamento, documentare il tuo modello di business, delineare le tue proiezioni finanziarie e passare da idea imprenditoriale a una realtà consolidata. Soprattutto in un periodo storico dove oltre il 50% delle piccole imprese fallisce nei primi anni di vita.

Leggi di più

Come cresce una startup di successo


Anni addietro, le startup innovative erano delle realtà abbastanza rare da osservare e il motivo sostanzialmente era la difficoltà con cui queste realtà nascevano e si sviluppavano. Era un mondo in cui le aziende si trasformavano e crescevano in maniera molto lenta, in alcuni casi si parla perfino di decenni.

Leggi di più

Come creare un piano di vendite (con template scaricabile)


E tu, ce l’hai un piano di vendite? Imprenditori, direttori vendite e sales manager da sempre devono la loro fortuna a buoni piani di vendite. Dovresti sempre sapere dove stai andando prima di colpire il tuo target e fino a quel punto dovresti comunque decidere in maniera chiara strategie e tattiche da adottare.

Leggi di più

Best practice per una sales pipeline organizzata e un processo di vendita efficace


Tutti conoscono il processo di generazione di un lead (lead generation), ovvero quando un contatto viene attirato dalle azioni messe in campo dal marketing e poi convertito in un lead da gestire e nutrire (lead nurturing).

Parallelamente a questo, è necessario creare anche una sales pipeline (pipeline commerciale), che rappresenta invece una serie di passaggi di qualificazione del contatto per fare in modo che si generi un'opportunità e poi si concluda una trattativa.

Leggi di più

Inbound Marketing

Non solo un insieme di tecniche, ma un vero e proprio cambio di mentalità, che mette il cliente al centro della tua strategia di marketing. Eclettica-Akura è un’agenzia di Torino specializzata in inbound marketing.

Scopri cosa possiamo fare per te

Ultimi articoli